Alda Merini 

Foto: Giuliano Grittini 

Annunci
Immagine | Pubblicato il di | Contrassegnato , , , , , , , , , , , , , , , | Lascia un commento

Maria Corti

La bellezza della scrittura della Corti è ineguagliabile a poche altre, in seguito si fatica a leggere scritture minori, non ci si può accontentare. Vi è insita una bellezza straordinaria a poche, perciò, ad altre letture, si richiedono competenze simili o superiori.

La memoria, salute della mente, a volte plana come un uccello, a volte piomba in picchiata sull’oggetto del ricordo, ma esso, a detta di Aristotele, appare dentro di noi come un dipinto” […]

Maria Corti

da -Ombre dal Fondo- Einaudi

Maria Corti

Immagine | Pubblicato il di | Contrassegnato , , , , , , | Lascia un commento

Andrea Zanzotto 

Una voce intensa.

“In Andrea Zanzotto si esprime il tragico dissidio tra quella che i cristiani dicono anima e ciò che gli scienziati dicono psiche.” Eugenio Montale, 1968

Quadro: Paul Cézanne, Mont Sainte Victoire. 

Immagine | Pubblicato il di | Contrassegnato , , , , , , , , , | Lascia un commento

Ingeborg Bachmann 

Kafka scrive: “Un libro dev’essere un’ascia per il mare ghiacciato che è dentro di noi” Ingeborg Bachmann ha saputo consegnare l’essenza del suo pensiero sulla letteratura, è poetessa sublime, una delle più grandi figure letterarie del ‘900.

Immagine | Pubblicato il di | Contrassegnato , , , , , , , , , , , | Lascia un commento

Italo Calvino 

Le città e i morti

Ciò che fa Argia diversa dalle altre città è che invece d’aria ha terra. Le vie sono completamente interrate, le stanze sono piene d’argilla fino al soffitto, sulle scale si posa un’altra scala in negativo, sopra i tetti delle case gravano strati di terreno roccioso come cieli con le nuvole. Se gli abitanti possono girare per la città allargando i cunicoli dei vermi e le fessure in cui s’insinuano le radici, non lo sappiamo: l’umidità sfascia i corpi e lascia loro poche forze; conviene che restino fermi e distesi, tanto è buio.

Di Argia, da qua sopra, non si vede nulla; c’è chi dice: “È là sotto” e non resta che crederci; i luoghi sono deserti.

Di notte, accostando l’orecchio al suolo, alle volte si sente una porta che sbatte.

Immagine | Pubblicato il di | Contrassegnato , , , , , , , , , , , | Lascia un commento